Torricella Peligna (CH) 1 - Associazione Culturale per l'Affresco APS

by Associazione Culturale per l'Affresco
Vai ai contenuti

Torricella Peligna (CH) 1

GALLERY > 2018
Data: 17-19 agosto 2018
Città: Torricella Peligna (CH)
Nazione: Italia
Luogo: facciata dell’ex-laboratorio di sartoria
Frescanti:
  • Gabriella Bianco
  • Maria Adele D’Orazio
membri dell’Associazione Liberi Frescanti Abruzzesi (A.L.F.A.)
Tema dell’Affresco: L’antica sartoria
Descrizione:
Il tema dell’affresco, richiesto dal committente Antonio Piccoli, riguarda l’attività originaria che si svolgeva all’interno del locale. L’affresco è ubicato sulla facciata di quella che un tempo era la bottega di un sarto da uomo, che successivamente aveva ampliato la sua attività rivolgendosi anche ad una clientela femminile e dotandosi altresì di articoli da merceria.
All’ingresso dell’ex-laboratorio sartoriale è dipinto l’affresco quasi a fungere da insegna.
Uno spazio compositivo circolare accoglie l’immagine di un’antica macchina da cucire, i cui motivi decorativi floreali avevano reso celebri i più noti marchi di macchinari tessili di fine ‘800 e inizio ‘900.
Sul piano da lavoro, il tessuto passato a macchina è lo stesso della giacca appena imbastita e riconoscibile sul manichino in secondo piano a sinistra.
Inoltre, gli attrezzi del mestiere, che appaiono sul lato destro, completano l’attrezzatura che ancora oggi si può trovare in un atelier.
I colori caldi su cui è giocato il dipinto contribuiscono a suggerire quell’atmosfera accogliente, quasi domestica, di cui la bottega doveva essere pervasa.
Commento:
La realizzazione di questo affresco si inserisce all’interno della manifestazione culturale “Puteche aperte” promossa dallo stesso proprietario dell’immobile.
Si tratta di un’iniziativa volta a valorizzare il patrimonio culturale locale, ricordando i mestieri che rendevano vivace l’economia di Torricella Peligna.
Nel mese di agosto, gli antichi negozi del borgo montano sono stati riaperti e resi individuabili ognuno da insegne che ne ricordavano l’attività originaria.
Ogni locale ha ospitato temporaneamente attività artigianali ed artistiche come laboratori di pittura, esposizioni di ceramiche e prodotti tessili, mostre di fotografia.
In questa temperie di fervore culturale si colloca la realizzazione del dipinto a fresco.
Riproporre l’antica tecnica dell’affresco, accostandola ai mestieri di una volta e alla riscoperta delle tradizioni appartenenti al passato, significa riconoscerne la preziosità e comprendere l’importanza di tutelarla e tramandarne la conoscenza.
Maria Adele D’Orazio
Torna ai contenuti