Borsa di Studio - Associazione Culturale per l'Affresco

by Associazione Culturale per l'Affresco
Vai ai contenuti

Borsa di Studio

La Scuola



Borsa di Studio 2014-2015


L’ "Associazione Culturale per l’Affresco"

in collaborazione con i Rotary Club del Triveneto e con il Patrocinio e sostegno del
Rotary International – Distretto 2060 Zona 19 ITALIA Nord Est,

promuove

CORSI BASE PER L’APPRENDIMENTO DELLA TECNICA DELLA PITTURA A FRESCO e BORSE DI STUDIO per giovani
delle Scuole Medie Superiori, in specifico dei Licei Artistici,
particolarmente meritevoli nel profitto e nell’etica comportamentale.
I giovani dovranno essere maggiorenni.

Il Corso, con iscrizione gratuita, comprende:
la partecipazione allo stage teorico e pratico sulla tecnica della pittura a fresco,
sotto la guida del Maestro Vico Calabrò.
(Il costo di presenza e a carico dei partecipanti, i materiali di consumo saranno messi a disposizione dall’Associazione)

I corsi, in fase di definizione, si svolgeranno nella prima metà del mese di agosto 2015
e avranno durata settimanale.

Sono previste 10 Borse di Studio del valore di 400 euro per gli allievi corsisti,
che sarà loro consegnata ad ottobre 2015, in occasione della consegna
dell’ "Attestato di Frequenza".

I giovani, dei quali dovrà essere garantita la piena irreprensibilità e sensibilità,
dovranno essere segnalati dal Dirigente di Scuola Media Superiore
e tra loro saranno scelti, con insindacabile giudizio dalla Commissione S.I.T.A., coloro che riceveranno le Borse di Studio

"Associazione Culturale per l’Affresco"  
Il Presidente  
Tiziano Sartor  


Scuola Internazionale per la Tecnica dell’AFFresco"

CORSO BASE PER L’APPRENDIMENTO DELLA TECNICA DELLA PITTURA A FRESCO.


Per una resa efficace del lavoro di solito il numero massimo per ogni gruppo di allievi è limitato a otto / dieci persone.
Ad essi viene assegnato in anticipo (al momento della conferma d’iscrizione) il tema per la preparazione di un bozzetto.
Il muro-scuola offre una superficie di almeno un metro quadrato per ciascun allievo.
Se si lavora all’ aperto, la parete va protetta dal sole e dalla pioggia.
Se è necessaria l’ impalcatura, la si richiede adeguata all’uso e si provvede all’ assicurazione  infortuni per gli operatori con divieto di accesso ad altri.

Programma settimanale:
domenica sera
: incontro di conoscenza, presentazione dei bozzetti, programma di lavoro.

lunedì : scelta equilibrata della superficie, allestimento del cantiere (impalcatura, teli, piani d’appoggio), analisi del muro (martelline, spazzole), preparazione arriccio (calce, sabbie, recipienti e strumenti per intonaco), composizione unitaria del  bozzetto in scala (metro, carta, stecche, pastelli), ricalco delle porzioni individuali (carta trasparente, lapis).
martedì : quadrettatura della superficie
(metro, filo da battere), esecuzione sinopia (colori, pennelli), suddivisione della giornate, bagnatura dell’arriccio (presa d’acqua).
mercoledì : ricalco cartoni
(carta, stecche, pastelli), conoscenza degli intonaci (grassello e derivati, sabbia fina, polvere di marmo, acqua, strumenti e recipienti), organizzazione colori (pigmenti, tavolozze, pennelli).
giovedì : prima giornata (tonachino, spolvero, pittura) eseguita come dimostrazione da parte del maestro, a seguire giornate dipinte da allievi.
venerdì : giornate successive eseguite dagli allievi.
sabato : eventuali restanti giornate, riordino del cantiere, incontro di commiato.

Durante la settimana, nei tempi che si rendono liberi, possono essere previsti spazi per :
visite ad affreschi del territorio.
incontri di conoscenza con esperti sulla sicurezza nel cantiere, sui regolamenti comunali, sulle norme diocesane per l’arte sacra, sui rapporti con le Sovrintendenze alle Belle Arti.


Torna ai contenuti