Anniversario 2015 - Associazione Culturale per l'Affresco APS

by Associazione Culturale per l'Affresco
Vai ai contenuti

Anniversario 2015

News > Beato Angelico
Anniversario del Beato Angelico
Firenze, 18 febbraio 2015
Nel 2015 la visita annuale promossa dal Maestro Vico Calabrò ha fatto tappa a Firenze per visitare il Museo di San Marco; il gruppo, guidato da una preparata e cordiale guida, era costituito da artisti e persone appassionate giunte da Lazio, Friuli, Lombardia e Veneto.
È  stato un interessante momento culturale ed anche in piacevole incontro conviviale e di amicizia con le specialità della cucina toscana.
Merita sicuramente di essere visitato il Museo di San Marco, anche solo per l'ambiente in cui si trova. Si trova infatti all'interno dell'ex convento dei Domenicani restaurato e ampliato da Michelozzo (1396-1472) su commissione di Cosimo Il vecchio de' Medici. L'edificio, consacrato nel 1443, fu teatro di una fervente attività religiosa che contò personaggi del calibro di Sant'Antonio Pierozzi, Vescovo di Firenze, Beato Angelico (c.1400-1450) e più tardi di Girolamo Savonarola. Fra' Angelico, monaco domenicano diventato priore del convento, decorò in uno stile sublime ambienti pubblici e privati del cenobio, quali la sala capitolare, il chiostro e le celle del primo piano. Il Museo si offre ai visitatori come perfetto esempio di convento quattrocentesco, la cui pianta razionale e armoniosa è basata sulle innovazioni del Brunelleschi. Ogni cosa è progettata per coordinare e semplificare la vita monastica all'interno del convento così come la tranquillità del chiostro e la luminosa biblioteca, una tra le più belle del Rinascimento.
Inoltre il complesso di San Marco ospita il museo delle opere di Fra' Angelico, sia gli interni affrescati che i dipinti esposti nell'antico Ospizio per i pellegrini. Tra le prime opere, la più famosa è la Crocefissione con santi nella Sala Capitolare, che sembra pervasa dalla malinconia contemplativa del pensiero domenicano; nelle celle, austere ma adatte alla meditazione dei fratelli, si trovano l'Annunciazione, le Tre Marie alla Tomba, il Noli me tangere ed altri. I dipinti nel refettorio contano anche opere giovanili dell'Angelico tra le quali la bellissima pala d'altare del Giudizio Universale e la Deposizione della Croce, caratterizzata dalle colline Toscane sullo sfondo. Oltre alle opere dell'Angelico, il museo conserva una spettacolare Ultima Cena affrescata dal Ghirlandaio alla fine del Cinquecento, e nella biblioteca una pregiata collezione di libri illuministi. questi furono creati nel convento con la stessa creatività meditativa caratteristica delle opere dell'Angelico. Sia la cella del Savonarola che quella dove Cosimo il Vecchio usava meditare sono aperte al pubblico.

Gianvittore Vaccari
Torna ai contenuti