Inaugurazione dell'Affresco "Carabinieri nella tormenta a Feltre" - Associazione Culturale per l'Affresco

by Associazione Culturale per l'Affresco
Vai ai contenuti

Inaugurazione dell'Affresco "Carabinieri nella tormenta a Feltre"

News
Feltre, 17 novembre 2016
Affresco "Carabinieri nella tormenta a Feltre"

L’opera è stata realizzata dall’artista Laura BALLIS attraverso la tecnica pittorica dell’affresco, che si compie dipingendo con pigmenti di origine minerale stemperati in acqua su intonaco fresco, secondo l’antica tradizione del “buon fresco”. Essa rappresenta le figure di due Carabinieri nella tormenta, simbolo storico e molto noto dell'Arma, inserendole propriamente nella città di Feltre.
Molte immagini dell'Arma sono state nel tempo ripetutamente riprodotte in maniera eccelsa, ma in questo caso l'ambientazione del luogo viene particolarmente evidenziata e valorizzata per sottolineare il legame tra la città e gli uomini dell’Arma.
La raffigurazione ripropone le due figure in chiave simbolica, senza però dimenticare di regalare un aspetto poetico ed emozionale. Le figure dei militari vengono inserite nel contesto feltrino, accanto a Porta Oria, importante porta antica di accesso alla città quale valorizzazione del passato, lottando con una tempesta di neve, aspetto climatico tipico della zona. La neve, accompagnata dal vento freddo, crea dei vortici che disegnano in alto i lineamenti dei protettori della città: San Vittore e Santa Corona, che sembrano vegliare su di loro. Lo sfondo dà spazio appunto al panorama con il Santuario elemento fondamentale della storia e dell'arte della zona.
Per completare in basso a destra un Carabiniere, che rappresenta tutta l'Arma, è avvolto dalla bandiera tricolore, che per coerenza stilistica dell'opera, segue le linee morbide di tutta la composizione ed evidenzia lo spirito nazionalistico del Paese.
I colori utilizzati esaltano fortemente le due figure, più scure, che sono notevolmente valorizzate dai toni chiari della neve.
L'intento di quest'opera è di creare un'atmosfera emozionale per esaltare maggiormente il lavoro degli uomini dell'Arma, che frequentemente si trovano in situazioni di sacrificio per il bene comune e valorizzare la città in cui la Compagnia si trova.

L’affresco, realizzato tra il 4 ed il 13 ottobre 2016 dall’artista Laura BALLIS, è stato donato alla Compagnia Carabinieri di Feltre dalla
“ASSOCIAZIONE CULTURALE PER L’AFFRESCO”
Scuola Internazionale per la Tecnica dell’AFFresco (SITA)
Rotary International - Distretto 2060
Realizzazione dell'Affresco
by Associazione Culturale per l'Affresco
Inaugurazione dell'Affresco
by Associazione Culturale per l'Affresco
Presenze alla cerimonia di inaugurazione dell'Affresco
Alla cerimonia hanno partecipato tutte le Autorità più importanti della provincia di Belluno.
Erano presenti in ordine di precedenza secondo il cerimoniale:
  • Prefetto di Belluno Dr. Francesco Esposito;
  • Sindaco di Feltre Dr. Paolo Perenzin;
  • Procuratore della Repubblica di Belluno Dr. Francesco Saverio Pavone;
  • Questore di Belluno Dr. Michele Morelli;
  • Comandante Provinciale dei Carabinieri Col. Giorgio Sulpizi;
  • Comandante  Compagnia Carabinieri Cap. Angelo La Chimia
  • Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Col. Patrizio Milan;
  • Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato Dr. Paolo Zanetti;
  • Comandante del 7° Reggimento Alpini di Belluno Col. Antonio Arivella;
  • Presidente della Comunità Montana Feltrina Prof. Federico Dalla Torre;
  • Vice sindaco di Feltre Dr.ssa Sabrina Bellumat;
  • Comandante della Compagnia Carabinieri di Belluno Cap. Dario Di Iorio;
  • Comandante del Nucleo Investigativo Carabinieri di Belluno Cap. Luigi Presicci;
  • Rettore  della Basilica Santuario SS. Vittore e Corona Don Sergio Dalla Rosa.

Il Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile dei Carabinieri di Feltre (Luogotenente Alberto Cominelli) ed il Comandante della Stazione Carabinieri di Feltre (Maresciallo Aiutante Stefano Vagnozzi).

Illustri persone che non rivestono cariche pubbliche ma che sono considerate importanti per il territorio, tra cui:
  • Dr. Massimo Ballotta, assistente del Governatore Alberto Palmieri R.I. Distretto 2060
  • PDG Riccardo Caronna, R.I. Distretto 2060
  • Dr. Antonio Bortoli, direttore di “Lattebusche”, Rotary Club Feltre;
  • Dr. Antonello Santi, direttore commerciale di “Lattebusche”, Rotary Club Feltre;
  • Dr. Eliano Verardo patron (A.D.) di “Birra Castello”;
  • Gianni Pasa direttore dello Stabilimento della Fabbrica di Birra di Pedavena.

Infine erano presenti altre figure pubbliche come il Comandante della Tenenza della Guardia di Finanza di Feltre (Luogotenente Giuseppe Avallone), il comandante della Sezione della Polizia Stradale di Feltre (Isp. Tiziano Speranza), il Comandante della Polizia Locale di Feltre (Filiberto Facchin).
Relazione del presidente dell'Associazione Culturale per l'Affresco
Rivolgo un caloroso saluto alle Autorità militari, civili, rotariane, ai Frescanti e a tutti i presenti.
Prima di introdurre l’Associazione Culturale per l’Affresco desidero fare un breve cenno alle motivazioni che ne hanno determinato la nascita.
Vorrei parlarvi, sia pure in modo sintetico, del Maestro Vico Calabrò, del Rotary e della Scuola Internazionale per la Tecnica dell’AFFresco - SITA, che sono state la “premesse” per la costituzione della Associazione stessa.
Vico Calabrò
E’ nato ad Agordo (Belluno) nel 1938 e risiede a Caldogno (Vicenza).
Artista a tutto campo, è uno dei maggiori esperti nella tecnica del "buon fresco", a cui dedica da anni ogni energia per il suo mantenimento pratico in vari centri culturali in Italia e all'estero.
Ha insegnato la tecnica della pittura a fresco, nella sua forma originale, in migliaia di corsi, in Italia, in Europa e nel Mondo, e in varie Accademie, garantendo la continuità di questa antica tecnica, tutta italiana e molto apprezzata all’estero.
Sono oltre un centinaio i Frescanti, che dal Maestro hanno appreso l’Arte, se ne sono innamorati, e che, a loro volta, sono stati abilitati all’insegnamento, seminando la bellezza  nel mondo e facendo appassionare molti pittori e amatori.
Tra questi vi è l’Artista Laura Ballis. E tutti i Frescanti di Agordo e del Comelico qui presenti, oltre a Giovanni Sogne, che insieme all'impresa Ferro Costruzioni, ha contribuito all'allestimento al cantiere rendendo possibile quest'opera.
Cos’è il Rotary?
Il Rotary è una Associazione formata da professionisti, imprenditori, uomini e donne che si ritrovano per fare del bene nel mondo.
Di ogni credo religioso e di ogni credo politico.
Punti fermi del Rotary sono unione, condivisione e comunicazione.
Il Sodalizio è presente in tutto il mondo con più di 1.200.000 Soci raggruppati in circa 500 Distretti, è riconosciuto dall’ONU, promuove la Pace nel mondo (Ambasciatori della Pace), opera a livello internazionale in ambito sanitario (PolioPlus, Acqua potabile), in ambito culturale nell’Alfabetizzazione, e a livello locale con service nei più svariati settori del bene comune, dalla medicina, alla cultura, all’occupazione giovanile, al soccorso in caso di calamità naturali, all’Arte.
Il tutto offrendo non solo risorse economiche ma anche, e soprattutto, la professionalità dei propri Soci.
Che cos’è la SITA?
Come dicevo, all’Arte, appunto.
Anche in questo il Rotary si è distinto, conferendo nel 2011, nella persona dell’allora Governatore del Distretto 2060 Riccardo Caronna, il Patrocinio a questo progetto.
Progetto SITA che ogni anno assegna delle Borse di Studio a giovani maturandi delle Scuole Superiori, interessati ad apprendere la tecnica dell’Affresco, in modo rigoroso, così come tramandata nei secoli dai grandi Maestri.
Un nome per tutti: San Giovanni da Fiesole, noto come Beato Angelico, considerato il Patrono dei Frescanti.
E veniamo all’Associazione.
In questo frenetico network di attività, si è resa necessaria la costituzione dell’Associazione Culturale per l’Affresco.
Decine di corsi in Italia e all’estero, le Borse di Studio Rotary, la promozione della tecnica, la comunicazione delle attività svolte, la programmazione dei corsi stessi, il coordinamento dei Maestri Frescanti e, non da ultimo, la necessità di un collettore delle risorse unico e legalmente riconosciuto.
Oltre alle attività di coordinamento appena citate, l’Associazione, che è stata riconosciuta dalla Regione Veneto ed ha la propria sede operativa presso la Basilica Santuario SS. Vittore e Corona, svolge altre importanti attività:
  • Consegna, ogni anno, un centinaio di Attestati di Frequenza ad altrettanti corsisti e le Borse di Studio Rotary.
  • Gestisce il sito internet, vera e propria memoria storica delle molteplici attività svolte dalla SITA fin dalla sua nascita.
In questo contesto ha preso vita l’affresco che oggi tutti noi ci prestiamo ad inaugurare.
Un’opera che è di tutti, così come, nel sentire comune,  di tutti è l’Arma dei Carabinieri.
Un Affresco del quale la città di Feltre deve andare fiera e che rappresenta un ulteriore tassello al progetto iniziato quarant’anni fà dal Maestro Vico Calabrò:
conservare, almeno per un’altra generazione, la rigorosa e fedele tecnica pittorica del “Buon Fresco”.
Grazie.
Associazione Culturale per l’Affresco
Il presidente
Tiziano Sartor

Torna ai contenuti